Condividi questa pagina:

Finalità e Progetti



AE: UNA NUOVA “PALLOTTOLA” CONTRO IL CANCRO


Presso il Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università di Padova, diretto dal Prof. Giorgio Palù, un gruppo di ricerca coordinato dalla Dr.ssa Teresa Pecere, a cui collaborano anche il Prof. Modesto Carli, Direttore della Clinica di Oncoematologia Pediatrica ed il Prof. Giuseppe Zagotto del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, ha condotto uno studio sullo sviluppo di nuovi farmaci antitumorali. Il lavoro dei ricercatori si è concentrato sulla ricerca di molecole con spiccata attività antineoplastica ma bassa tossicità per le cellule sane dei pazienti.

Il gruppo ha rivolto la propria attenzione verso molecole naturali di origine vegetale con lo scopo di trovare composti che avessero specificità d’azione solo nei confronti delle cellule tumorali. La Dr.ssa Pecere ha studiato e valutato molte piante utilizzate nella medicina popolare e di cui la tradizione tramanda una qualche attività curativa e la ricerca è stata condotta su un vasto numero di composti naturali.  La molecola individuata  ha dimostrato attività citotossica specifica e selettiva nei confronti dei tumori di origine neuroectodermica (quali il neuroblastoma, il melanoma ed il tumore a piccole cellule del polmone) senza presentare, alle dosi terapeutiche, tossicità nelle cellule emopoietiche e nei fibroblasti umani. Le ricerche, cioè, hanno permesso di scoprire che AE (aloe-emodina) svolge un’azione antineoplastica molto selettiva contro una famiglia di tumori, quelli di origine neuroectodermica, risparmiando le cellule in rapida duplicazione, ma sane, quali le cellule del midollo osseo e quelle del tratto gastrointestinale.

I risultati degli studi condotti in vivo, per valutare sia la tossicità che l’efficacia di AE, sono stati estremamente incoraggianti: non è stata rilevata alcuna tossicità acuta o cronica anche con dosi elevate di AE ed è stata evidenziata l’efficacia di questa molecola nel bloccare la crescita della massa tumorale

Il gruppo di ricerca è tuttora impegnato nello studio di questa molecola, in particolare per approfondire i dettagli del meccanismo d’ingresso selettivo di AE nelle cellule sensibili; e sta anche coordinando studi preclinici con AE nella speranza di dare inizio al più presto a trial clinici nell’uomo.

La scoperta di un’attività così specifica e selettiva di una molecola naturale apre nuovi orizzonti per la cura sia del neuroblastoma, che è una neoplasia tipicamente pediatrica, con prevalenza nei bambini in età prescolare, sia di molti altri tumori, come il melanoma ed il tumore del polmone, che rappresentano neoplasie ad alta incidenza ma con una bassa percentuale di guarigione.

Con la scoperta delle proprietà di questo composto naturale si può cominciare a pensare di costruire “farmaci intelligenti”, molecole cioè in grado, una volta introdotte nell’organismo, di colpire solo le cellule-bersaglio malate e risparmiare gli altri tessuti sani. 


 


L'azienda fondata da Franco Marcolin sostiene le attività dell'Associazione.



Collaboriamo con:





Ad oggi sono stati raccolti:

€ 14.129,00




Eventi





Partners





Newsletter





 
Associazione Franco Marcolin - Viale Europa 16, 35020, Ponte San Nicolo (PD) - Tel. 049 89.62.666 | Fax 049 89.62.746 | Cell. +39 348/4415120 - C.F. 92262070284